Home | Direttivi | Soci | Pubblicazioni | Storia

Anno Rotariano 2001/2002


R. D. King

L'umanità è il nostro impegno

B. A. Timinieri

Giovanni Peruz

<<<

Direttivo

Commissioni

Fotografie

Bollettini

Attività svolte

Varie

>>>

La mia meravigliosa avventura di Presidente del Rotary, è iniziata nel mese di marzo del 2001 quando mi recai ad Agrigento per frequentare il S.I.P.E..
In quell'occasione appena venni a conoscenza dal Governatore allora in-coming Aldo Timineri che il motto dell'anno 2001-2002 sarebbe stato “L'umanità è il nostro impegno”, avvertii un tuffo al cuore , giacchè il mio avvicinamento alla famiglia Rotariana era iniziato nel gennaio del 1994 con una esperienza di volontariato a Kairouan in Tunisia guidata dal Prof. Rino Fichera, tesa ad insegnare alla popolazione locale, nella quale il problema dell'handicap motorio è molto diffuso, a costruire con materiale di risulta, stampelle, protesi e carrozzine. Compresi, quindi, lo spirito umanitario che anima il Rotariano e il mio inserimento nel Club, quale socio fondatore nel maggio del 1994 inizialmente e come Presidente in seguito è stato assolutamente naturale.
Ripercorrere quegli intensi dodici mesi a distanza di tempo ha per me un sapore assolutamente particolare servendo a lenire, parzialmente, una nostalgia che spesso mi intristisce, essendomi trasferito lontano dalla Sicilia.
L'istituzione delle “Tavole Rotariane”, nel mese di Agosto, primo atto stabilito dal consiglio direttivo si è rivelata una scelta alquanto felice data l'entusiasta adesione dei partecipanti e la goliardia che la contraddistinse. Con l'intento di far visitare il nostro territorio e le sue risorse naturali e culturali, abbiamo organizzato in una solare e mite domenica di Settembre una gita guidata sulla sommità dell'Etna con visita successivamente al museo di Linguaglossa insieme ai numerosi soci del R.C. di Palazzolo Acreide invitati per l'occasione. La visita del Governatore Aldo Timineri e la partecipazione nel mese di novembre alla giornata per i festeggiamenti del centenario della morte di Vincenzo Bellini, tenutasi a Catania al “ Teatro Massimo”, finalizzata alla creazione di una raccolta delle opere del compositore etneo, ci condussero rapidamente verso il periodo Natalizio. Seguendo il cammino tracciato dai Presidenti che mi hanno preceduto, anche nel mio anno lo scambio degli auguri è stato valorizzato dalla Santa Messa celebrata dal nostro socio Padre Roberto Strano e dalla generosa offerta del Club a tre famiglie indigenti di Giarre-Riposto. Nel mese di Gennaio abbiamo sponsorizzato i Campionati Italiani di Sci di Fondo tenutisi a Linguaglossa con numerose coppe e con il logo del nostro Club impresso sullo striscione del traguardo.
L'aspetto delle ammissioni non è stato trascurato con l'ingresso dei nuovi soci Leone, Di Bartolo nella splendida cornice del “Golf Club Il Picciolo” nella serata di S.Valentino, quando unitamente ai Club di Bronte e Catania Ovest si è potuto gustare ottimi piatti della cucina siciliana con il sottofondo musicale del maestro Tonna.
In occasione della Festa di San Giuseppe, accogliendo l'invito del Presidente del Rotary di Salemi,è stata organizzata una gita mirata ad apprezzare non solo il suggestivo spettacolo religioso delle “Cene”, consistente nelle 100 pietanze che i devoti offrono a tre bambini che simboleggiano la “Sacra Famiglia”, ma anche le bellezze artistiche e storiche locali (Castello Normanno, Chiesa di Loreto, opere del Gagini). Nel mese di aprile presso il prestigioso Salone degli Specchi di Palazzo di Città di Giarre, in collaborazione con il Comune e con l'ASL 3 di Catania, si è svolto un incontro con il Prof. Mauro Abbate, Cardiochirurgo di fama che ha relazionato in tema di trapianto cardiaco in Sicilia.
Alla presenza del Direttore Generale dell' ASL 3 Dott. Giorgio Ragona e del Dott.Cantarella in qualità di coordinatore dell'assessorato alla Sanità del comune etneo, il valente oratore, a testimonianza della personale esperienza professionale, ha ripercorso il cammino compiuto nell'ultimo quarto di secolo dalla cardiochirurgia siciliana , facendo riferimento agli sforzi compiuti dalla stessa per affinare tecniche sempre più sofisticate e alle intrinseche difficoltà affrontate per superare nelle fasi iniziali i dubbi di ordine etico e organizzativo nella gestione del trapianto d'organo.
Tale argomento ha rappresentato l'aspetto più coinvolgente e toccante, ove la grande capacità oratoria del Prof. Abbate ha raggiunto la massima intensità, sensibilizzando il numeroso pubblico in sala su i dati fortemente allarmanti riguardo l'espianto d'organo nella nostra regione paragonata al restante territorio nazionale. La scelta consapevole e volontaria della donazione da cui dipende la vita di centinaia di persone non può e non deve essere fermata dall'egoismo e dall'indifferenza, occorre dunque maggiore senso civico al fine di ridurre in maniera drastica l'elevato tasso di mortalità determinato dalla carenza di donatori. La serata si è conclusa con targhe ricordo al relatore, al Direttore Generale, al Comune di Giarre, con la consapevolezza che la vita di molti pazienti dipenda esclusivamente da un nostro atto d'amore. Ultima manifestazione in ordine di tempo ma non di importanza fu quella organizzata nel mese di maggio presso la Federfarma di Catania avente come tema l'Handicap e la difficoltà ad affrontarlo nel quotidiano da parte dei “diversamente abili”. In quell'occasione siamo stati onorati della presenza come ospite dell'avv. Luca Pancalli, Presidente della Federazione Nazionale Sport diversamente abili, il quale ha raccontato con parole toccanti , il dramma vissuto nel divenire disabile in seguito ad una caduta da cavallo durante una competizione agonistica. La forza caratteriale, la voglia di ricominciare una nuova vita, l'appoggio della famiglia e l'attività sportiva hanno permesso al nostro relatore di continuare ad essere un campione di livello internazionale nelle gare tra i diversamente abili, di laurearsi in giurisprudenza e praticare l'attività forense, a testimonianza per ciascuno di noi e per quelle persone che hanno la sfortuna di essere portatori di handicap che lo sport può diventare un momento di recupero e di inserimento nella vita sociale di tutti i giorni. Fu consegnata una targa ed istituito un premio annuale da destinare annualmente a disabili.
In quell'anno inoltre il nostro sodalizio ha partecipato alla istituzione della Fondazione “Rotary Natura da salvare” con gli amici degli altri Club Etnei, primo tra tutti il Past President di Aetna Nord Ovest Umberto Liuzzo, vero motore di questa iniziativa. Prima di concludere gradirei ricordare l'Interclub a Militello V.C. con la relazione tenuta dal Prof.Katsinsky sui rapporti tra l'Islam e l'occidente tenutasi a Palazzo Comunale e l'applauditissima esposizione del Prof. Roberto Avola sull'affascinante e misterioso funzionamento del nostro sistema nervoso. Sento doveroso concludere ringraziando coloro i quali hanno permesso la relizzazione del programma annuale sopra esposto, ovvero Massimo Di Prima impeccabile Prefetto, Vito Cutuli nel suo ruolo oneroso di segretario, l'ottimo Tesoriere Rosario Indelicato, l'intero consiglio direttivo con in testa gli amici “catanesi” Toni Ruggiero, Filippo Badala', i Past - President che hanno saputo consigliarmi con saggezza nei momenti di difficoltà, e non ultimi i tanti amici soci che con la loro presenza e con le loro pacche sulle spalle hanno saputo rendere questa esperienza indimenticabile e meravigliosa.

Giovanni Peruz    
Presidente 2001/2002

Rotary Giarre Riviera Ionico-Etnea 
Per una visualizzazione ottimale si consiglia almeno
Internet Explorer 5.5 - Risoluzione 800x600
Web Master: Mario Cavallaro